Spettacolo, Cinema & TV

lastampa.it – Spettacoli lastampa.it – Spettacoli

Tgcom24 Tgcom24 contents

  • Produsse “Let it be” dei Beatles, morto di Covid Phil Spector
    by Tgcom24 on Gennaio 17, 2021 at 5:08 pm

    Spector aveva prodotto il suo primo successo quando era ancora al liceo, lavorando su “To know him is to love him”. E’ stato uno dei più rivoluzionari e influenti produttori discografici, noto anche per essere stato compositore, musicista e direttore creativo. Il decesso di Spector, newyorchese di origini russe, è avvenuto nel penitenziario californiano in cui era recluso dal 2009 per omicidio.   Inventore della tecnica di produzione musicale del Wall of Sound, nella sua lunga carriera ha lavorato con artisti come tina turner, John Lennon, Leonard Cohen e i Ramones. Lavorò anche alla realizzazione di Let it be, ultimo album dei Beatles, e nel 1989 venne introdotto nella Rock and Roll Hall of Fame. La rivista Rolling Stone lo ha messo al 64esimo posto nella sua classifica dei 100 migliori artisti di tutti i tempi.     

  • “Gomorra”, arrestato per spaccio Salvatore Abbruzzese: era Totò nel film di Garrone
    by Tgcom24 on Gennaio 17, 2021 at 9:33 am

    Non è la prima volta purtroppo che alcuni degli interpreti del film cult finiscono in manette. Prima di Abbruzzese sono stati ben sette gli attori di “Gomorra”, tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano, finiti in prigione per crimini vari: una vera maledizione. Tra loro Pjamaa Azize, che in alcune scene aveva interpretato la parte di un pusher, attività per cui è stato arrestato anche nella realtà. Poi Nicola Battaglia, uno dei ragazzi sottoposti alla prova del fuoco da Salvatore Russo, finito anche lui  in carcere nel 2018 per spaccio. E ancora Giovanni Venosa, appartenente all’omonimo clan parte integrante dei Casalesi, che nel film recitava la parte del capo che intimava a due ragazzi di non intraprendere attività criminali sul suo territorio e Bernardino Terracciano, boss “Zì Bernardino” nel film, condannato all’ergastolo per duplice omicidio.     Salvatore Abbruzzese è stato trovato in possesso di cobret, eroina e cocaina. All’epoca delle riprese aveva 13 anni e aveva recitato nel ruolo di Totò, il ragazzino che portava la spesa a Maria  interpretata da Maria Nazionale, alle Vele di Scampia, poi costretto a tradire la donna perché esponente di un clan rivale, facendola quindi uccidere.  Totò è anche protagonista, all’inizio del film di un rito di iniziazione, i camorristi infatti gli sparano al petto facendogli però indossare un giubbotto antiproiettile. Dopo l’esordio in Gomorra, candidato alla Palma d’Oro di Cannes e vincitore del Gran Premio della Giuria, Abbruzzese ha avuto pochi altri ruoli minori in alcuni film.

  • “Gomorra”, arrestato per spaccio l’attore Salvatore Abbruzzese: era Totò nel film
    by Tgcom24 on Gennaio 17, 2021 at 9:24 am
  • Shalpy in situazione di indigenza chiede aiuto per il lavoro
    by Tgcom24 on Gennaio 16, 2021 at 3:49 pm
  • Shalpy: “Sono in situazione di indigenza, sono pronto a fare anche il cameriere”
    by Tgcom24 on Gennaio 16, 2021 at 2:33 pm

          Il cantautore, che ha 58 anni, ha spiegato di aver investito tutti i suoi risparmi nell’ultimo singolo prodotto, “Let It Snow”, ma che la situazione di grave crisi provocata al mondo della musica dalla pandemia di Covid gli rende quasi impossibile andare avanti.   “Faccio parte di una fetta di persone che non sono calcolate né dallo Stato, né dall’immaginario collettivo” ha detto Giovanni Scialpi parlando con il sito musicale. “Sarei anche disposto a fare il cameriere o qualsiasi altra cosa mi venisse proposta – ha quindi aggiunto sperando che il suo appello possa venire raccolto da qualcuno -. Io sono molte cose, posso affrontare tanti ambiti lavorativi. Farei qualsiasi cosa mi dia la possibilità di essere me stesso. Non sono una cattiva persona e vorrei aiutare il prossimo come fa un prete in chiesa o un professore a scuola”.   POTREBBE INTERESSARTI:

Rai.it > Tv Feed Rai.it > Tv

  • Rai Uno / I sogni son desideri
    on Gennaio 17, 2021 at 10:12 pm

    Conduce Caterina Balivo con la partecipazione di Marco Liorni. Alle 21.10

  • Rai Due / Solo due ore
    on Gennaio 17, 2021 at 10:12 pm

    Jack Mosley è un poliziotto che ha conosciuto tempi migliori… Alle 21.05

  • Rai Tre / Ballarò
    on Gennaio 17, 2021 at 10:12 pm

    Giovanni Floris discute i temi della politica e dell’attualità. Alle 21.10

  • Rai 4 / Brothers and Sisters
    on Gennaio 17, 2021 at 10:12 pm

    Stagione 2, episodio 10: “Il peso della verità”. Alle 21.00

Tgcom24 Tgcom24 contents

  • Stasera in Tv sulle reti Mediaset, 17 gennaio
    by Tgcom24 on Gennaio 17, 2021 at 12:00 pm
  • Ottimi risultati per “Verissimo”: sempre al vertice della sua fascia
    by Tgcom24 on Gennaio 17, 2021 at 10:38 am

    Benissimo anche “Verissimo giri di valzer” con 2.891.000 spettatori totali, share del 17.38% (share del 16.84% sul target commerciale). Sul fronte social, nel corso della settimana, #verissimo ha generato oltre 14.000.000 di interazioni su Instagram.  

  • “Grande Fratello Vip”, Giulia confessa: “Qui è un’isola felice, fuori la mia vita è vuota”
    by Tgcom24 on Gennaio 17, 2021 at 10:15 am

    La Vip prosegue, affermando che la vita al di fuori non è meno bella, avendo ottenuto amicizie, rispetto, lavoro e uno pseudo-equilibrio. Tuttavia, continua, non ha una vita privata, non riesce a scindere il confine tra socialità e intimità. Cecilia afferma che la ragazza non ha tempo, avendo voluto riempire la propria giornata di eventi che sono però riempitivi, diversivi. Giulia poi riflette sul fatto che già prima di conoscere Pierpaolo era intenzionata a trasferirsi a Roma, alla ricerca di nuovi stimoli, per cambiare aria.     Il discorso si sposta sull’intervento dei parenti del ragazzo in puntata. “Non voglio creare dissapori familiari”, afferma la ragazza. Cecilia le risponde che il paragone tra lei ed Elisabetta è stata la cosa più grave, anche se fatto anche con superficialità, senza intenzione malevola. Lui si è arrabbiato con la famiglia, continua la showgirl, quindi vuol dire che ci tiene. Giulia passa a considerare l’ipotesi di una conoscenza di Pierpaolo nella vita reale, con possibilità simili a quelle della Casa: anche in quel caso probabilmente l’intesa sarebbe scattata ugualmente.   “Pierpaolo riesce a far uscire il mio lato di donna e di bambina, insieme. Non c’è bisogno che uno tenti di prevaricare l’altro nel nostro rapporto”. Giulia passa poi a parlare della propria infanzia e del difficile rapporto con l’universo femminile; fino a pochi anni fa, infatti, le sue amicizie erano quasi esclusivamente maschili. Ascoltando tutto ciò Cecilia si commuove e il discorso tra le due si conclude con un abbraccio commosso.

  • A 91 anni a “C’è Posta per Te” per ritrovare il primo amore
    by Tgcom24 on Gennaio 16, 2021 at 11:00 pm

      Stefano è un 91enne di Salina, molto in forma, attivo e anche moderno: ha il cellulare, usa pc e internet e vuole ritrovare la ragazza con cui 71 anni prima aveva organizzato una fuga d’amore, mai realizzata. Purtroppo però non ne ricorda il nome e così ha chiesto aiuto a “C’è Posta per te” che ha provato a rintracciare questa donna, che era la figlia del barbiere di Francavilla, in provincia di Agrigento. Maria De Filippi ha trovato quattro signore che avrebbero potuto essere l’amata di Stefano e secondo l’uomo è riuscita nell’impresa. Peccato però che Sarina, una solare e allegra anziana di Francavilla, non lo riconosce minimamente: “Mai visto, non sono io quella che cerca, ma fa’ niente: sono felice di poter essere qui e vedere Maria”, esulta comunque l’esuberante anziana. 

  • “Amici 20”, le emozioni della settima puntata pomeridiana
    by Tgcom24 on Gennaio 16, 2021 at 3:00 pm
  • “Il Padrino” tiene a battesimo la sua nuova resurrezione
    by Stefano Giani on Gennaio 17, 2021 at 7:46 am

    Stefano Giani Trent’anni dopo, Francis Ford Coppola ha rivisto e corretto la conclusione della saga iniziata nel ’72 Vincent è il solito spavaldo, un po’ arrivista un po’ bravo ragazzo che non dà retta a quelle voci cattive su zio Michael. Non può aver fatto uccidere il fratello, ovvero suo padre. Non può. Lui non ci crede. E ne convince anche Mary, la cugina con la quale se la intende, neanche troppo sotto copertura. Vincent è sempre il solito. Appena vede quel bulletto elegante di Joey Zasa, gli monta il sangue agli occhi. Perde le staffe. Si risveglia come papà Sonny, uno che per il sottile non è mai andato. Perché Joey sarà pure il gangster più trendy di tutta la Grande Mela ma non ha perso quel piglio arrogante con cui non vede l’ora di soggiogare la New York che conta. Ovvero, quella del crimine. E la processione nel giorno di San Gennaro continua a non portargli fortuna. Succedere a zio Michael non è impresa da poco. E non tutti ci possono riuscire. Zasa ci prova con le armi, Vincent deve lasciarci il cuore. Il prezzo è sempre quello. Carissimo. Abbandonare la cuginetta. Mary insomma non deve essere il porto dei suoi sentimenti. Parola di padrino. E Vincent accetta, oggi come trent’anni fa. La piccola resterà quella che è sempre stata, ma non la fidanzata. Finché sullo scalone del teatro Massimo di Palermo un sicario, spuntato dall’omertà e dal nulla, sbaglierà mira. E lui, il Mancini diventato don Vincent Corleone, replicherà con l’unica lingua che conosce. Pallottola a pallottola. Centrata. Tutto uguale a quel 1990, insomma. Perfino le fisionomie che non tradiscono quei tre decenni in più. Eppure tutto quasi. Uguale. Cambiano l’inizio e la fine. È diverso il titolo, Il padrino III Coda in versione home video. Il padrino III Epilogo in streaming. A venderlo è Chili per un pugno di monetine. Neanche tre euro. Già, perché la versione restaurata e rimasterizzata dell’ultima parte della trilogia doveva arrivare nei negozi a dicembre ma Universal ha avuto difficoltà. E nella corsa al regalo della pandemia, di padrini non c’era l’ombra. E dire che con quel sottotitolo – La morte di Michael Corleone – comune a entrambe le versioni, non ci sarebbe stato appassionato in grado di resistergli. Per di più nella suggestione del trentennale. Interno giorno: immagini dalla casa sul lago di Corleone. Voice over di Michael che racconta lusinghe e invita a party di onorificenze. Nel millennio passato cominciava così. Oggi don Michael sta invece trattando con l’arcivescovo Gilday un prestito alla Banca Vaticana, in cambio di una massiccia quota di partecipazione nell’Immobiliare. L’operazione va in porto e la saldatura tra le due edizioni si compie nel nome del boss, dedito a far del bene e a incaricare la figlia Mary del ruolo di ambasciatrice filantropica con cui la famiglia mafiosa cerca di ricostruirsi una verginità ora che il Vecchio è ormai in preda al diabete e in cerca di un delfino. Anthony preferisce il belcanto lirico al bel canto delle rivoltelle e l’investitura va a Vincent che sacrifica il cuore al «baciamo le mani». Mary, alias Sofia Coppola, figlioletta del regista, è la stessa che in quel Natale del ’90 si prese gli strali della critica che l’avevano fatta a pezzi come attrice. Aveva vent’anni e cercò di soccorrere papino che aveva incassato il no di Madonna e Julia Roberts, prima di avere la firma di Winona Ryder che, per bocca dell’allora fidanzato Johnny Depp, mandò a dire «sorry, troppi impegni». E dopo due giorni sul set mollò la presa. «Colpirono Sofia con il proiettile che era destinato a me», commentò Francis Ford, forse prendendo spunto proprio da quella scena in cui Mary veniva uccisa al posto di Michael. La scommessa del Padrino parte III la vinse comunque il regista. A differenza dei primi due che incassarono un miliardo di dollari e nove Oscar, l’ultima puntata si mise in tasca 136 milioni e sette nomination. Nessun trionfo, verrebbe da dire. Però pensando che il film ne era costati pressappoco 54, il guadagno c’è stato eccome. Ma restava quell’attacco decisamente retorico e ripiegato su se stesso. Il suo passato. L’eco dei padrini che furono. E un finale che ancora oggi, a distanza di tanto tempo, non convinceva del tutto. Mario Puzo, scrittore e sceneggiatore, se n’era andato nel ’99 e rimetterci le mani sembrava un tradimento. Così Coppola ha tirato fuori il mestieraccio. E in sala di montaggio ha fatto taglia e cuci sforbiciando 13 minuti e cambiando i connotati a 363 inquadrature per velocizzare la trama e renderla più agile. Restano i riferimenti a Giulio Andreotti nella figura del politico Licio Lucchesi, a Roberto Calvi in quella di Frederick Keinszig, ad Albino Luciani nel cardinale Lamberto poi Giovanni Paolo I. E qualche truffa sparsa qua e là. Una la riveliamo subito e sta nella cronologia. I fatti sono collocati nel ’79, anno in cui Paolo VI era già morto da un anno come il suo successore, mentre Calvi era ancora vivo e si sarebbe ucciso nell’82. L’altra è… suspense. Basti una frase del regista. «Quando i siciliani augurano cent’anni è auspicio di lunga vita E i siciliani non dimenticano». Lui, Coppola, però è lucano. Tag:  Francis Ford Coppola il padrino

  • Musica? No, ecco cosa ama davvero il rapper Emis Killa
    by Francesca Galici on Gennaio 16, 2021 at 1:22 pm

    Francesca Galici La vera passione di Emis Killa e il messaggio di Genny Savastano nel giorno dell’arresto di un attore di Gomorra: tutti i protagonisti di Casa Pagani Emis Killa è uno dei protagonisti del prossimo appuntamento di Casa Pagani, il format in onda su YouTube condotto dall’influencer Ludovica Pagani. La prima puntata del 2021 sarà disponibile a partire dalle 21 di domenica 17 gennaio sulla piattaforma web e saranno tante le sorprese per gli utenti. Il titolo del suo ultimo album è 17: Emis Killa è alla prima collaborazione con Jake La Furia e il lavoro ha conquistato il pubblico, non facile, del rapper, che a Ludovica Pagani ha però fatto una confessione inaspettata. Insieme a Emis Killa saranno ospiti di Casa Pagani anche Salvatore Esposito di Gomorra e Jo Squillo. Provocatorio e irriverente, Emis Killa è recentemente finito sotto accusa per il testo di una delle canzoni contenute proprio nell’album 17, Emis Killa però sui social può contare su un nutrito gruppo di sostenitori. Da Ludovica Pagani, il rapper ha parlato del suo album ma anche aperto alcune finestre sulla sua vita privata. Ha raccontato di essere partito da zero, facendo il muratore. La passione per la musica e il freestyle l’hanno sempre accompagnato e una canzone dopo l’altra è riuscito a conquistare il successo, imponendosi come uno dei rapper più affermati del panorama musicale italiano. Ma da Ludovica Pagani, Emis Killa ha rivelato soprattutto quale sia la sua vera passione, oltre la musica e le donne: le moto. Il rapper ha sempre avuto un debole per le due ruote, per l’adrenalina e la velocità e ha candidamente dichiarato che se non avesse fatto il cantante gli sarebbe piaciuto diventare un pilota. Come la prenderanno i suoi fan? [[nodo 1889876]] Nel salotto Casa Pagani si è accomodato anche Salvatore Esposito, Gennaro Savastano di Gomorra, serie della quale si sta registrando la quarta stagione. Con Ludovica Pagani, ha affrontato il delicato tema dell’importanza della famiglia quando si nasce in aree difficili come la sua. Un messaggio importante per molti suoi coetaenei, che arriva a distanza di poche ore dall’arresto di un attore di Gomorra: Totò, che ha recitato nella serie quando ancora un adolescente, è stato arrestato. Il suo vero nome è Salvatore Abruzzese ed è stato fermato dai carabinieri mentre spacciava a Scampia. A Casa Pagani, Savatore Esposito è andato proprio per stimolare i giovani a seguire i sogni, senza cadere in facili scorciatoie, come ha fatto Totò di Gomorra. [[nodo 1917008]] Infine, Jo Squillo ha parlato del suo impegno attivo nella lotta contro la violenza sulle donne a pochi giorni dalla polemica che l’ha vista coinvolta. Jo Squillo alle Maldive ha destato grande indignazione in questo periodo di pandemia ma la cantante e conduttrice ha difeso le sue ragioni dopo gli attacchi. I tre ospiti hanno lasciato un oggetto personale ciascuno, che sarà messo all’asta per sostenere la Lega Italiana per la Lotta contro il Tumore al Seno. Tag:  Gomorra spaccio Persone:  Emis Killa Salvatore Esposito Jo Squillo Ludovica Pagani

  • Il racconto hot di Roberta Morise “I feticisti mi chiedono questo…”
    by Novella Toloni on Gennaio 16, 2021 at 10:58 am

    Novella Toloni Su Radio2 la showgirl ha raccontato del suo rapporto con i gossip e con i social network, svelando di essere spesso bersaglio di bizzarre richieste da fan feticisti dei piedi Roberta Morise è finita nel mirino dei feticisti del web, ma non è l’unica e non sarà l’ultima. La conduttrice lo ha raccontato ai microfoni de I Lunatici, trasmissione radiofonica condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, dove si è detta sorpresa di queste morbose attenzioni, sfociate a volte in assurde richieste. Sono tante le vip nostrane corteggiate da sconosciuti ammiratori sul web soprattutto per i loro piedi. Da Justine Mattera a Sabrina Salerno i volti noti del piccolo e grande schermo sono spesso oggetto del desiderio degli utenti del web e non solo per il loro corpo. Sui social dilagano, infatti, i feticisti dei piedi e l’ultima a finire nel mirino dei questi singolari adulatori è stata Roberta Morise. [[nodo 1875930]] Su Rai Radio2 la showgirl calabrese, che fino allo scorso anno conduceva Mezzogiorno in famiglia al fianco di Giancarlo Magalli, non ha fatto mistero di esser stata più volte contattata in privato da fanatici dei piedi. Da loro richieste e offerte sui generis e qualcuno è arrivato persino a offrirle cifre folli: “Tra i miei follower non mancano i feticisti. Sono ovunque, richieste particolari arrivano ovunque, offrono anche somme importanti in cambio di scarpe usate, è una delle cose più bizzarre che mi sia mai capitata. Chiedono scarpe usate in cambio di grosse cifre, una cosa incredibile”. Del resto i social network avvicinano i volti noti ai loro fan, ma li portano anche a confrontarsi con hater e fanatici. Roberta Morise, però, da questo punto di vista è serena. A I Lunatici ha svelato di aver avuto solo un episodio negativo nelle relazioni social: “Ho avuto una brutta esperienza questa estate, per il resto, non ho hater. Ci sono molte persone che mi vogliono bene, l’ho notato soprattutto nell’ultimo periodo. All’inizio non ero bravissima e non amavo il fatto di dover veramente condividere con tutti quella che era poi una parte di vita assolutamente privata. Però si può fare, con intelligenza. Ci sono cose che devono necessariamente rimanere intime e private. I social comunque accorciano le distanze”. Quello a cui Roberta Morise non è ancora abituata è ai pettegolezzi e al gossip. Tanti i flirt che le sono stati attribuiti nell’ultimo anno, ma lei si dichiara single e in attesa di incontrare la persona giusta: “Io non ho mai amato finire sulle prime pagine delle copertine varie. Dallo scorso lockdown mi hanno attribuito una storia dopo l’altra e io infatti non ho mai detto nulla. Sono persone che conosco, che stimo e che mi stimano, ma è assurdo non poter frequentare qualcuno (vedi Alberto Matano, ndr) senza passarne per la fidanzata. All’inizio certe pseudo notizie mi facevano ridere, poi un po’ ne ho sofferto”. Tag:  feticisti social network Persone:  Roberta Morise Alberto Matano

  • Adriana Volpe: “Ecco perché ho denunciato Magalli”
    by Novella Toloni on Gennaio 16, 2021 at 10:05 am

    Novella Toloni In un’intervista al Corriere la conduttrice – che torna a Ogni Mattina in versione rinnovata – ha parlato della sua rinascita al Grande Fratello senza dimenticare però il passato e la “guerra” con il collega che ha denunciato Una nuova sfida attende Adriana Volpe che, dal 18 gennaio, fa ritorno su TV8 con la versione rinnovata di Ogni Mattina. La conduttrice torna in video da sola e al Corriere della Sera ha raccontato con entusiasmo i progetti futuri senza però dimenticare il passato. Inevitabile non tirare in ballo Giancarlo Magalli con il quale, ha confessato lei, ha un conto in sospeso in tribunale. [[nodo 1910638]] “La mia vita è cambiata con il Grande Fratello Vip: lì ho capito che sapevo fare una tv senza copione, essendo me stessa, raccontando le cose come le volevo raccontare e non come altri avevano scritto per me”, ha svelato Adriana Volpe nell’intervista. L’esperienza al reality di Canale 5 ha rappresentato uno spartiacque nella sua esperienza televisiva. Dall’allontanamento dalla Rai al periodo di inattività fino al rilancio nel gameshow di Alfonso Signorini, che gli ha regalato un’offerta di lavoro irrinunciabile su Sky, la conduzione del programma Ogni Mattina. La trasmissione, dopo la pausa natalizia, torna in onda nella versione rinnovata che vede la Volpe conduttrice unica (Alessio Viola passa in prima serata) e lei non può essere più felice: “Sarò un cavallo pazzo: considero questa conduzione in solitaria un vero trampolino oltre che una grande sfida, visto che dovrò dimostrare di saper confezionare una trasmissione quotidiana di 4 ore al fianco di inviati e personaggi meravigliosi”. Nonostante il presente professionale le stia regalando soddisfazioni, Adriana Volpe non dimentica il passato. In Rai aveva le mani legate: “TV8 è una realtà nuova, dove ci permettono di sperimentare. In Rai era diverso, sono reti governative e ci sono delle regole. Qui nessuno dice ‘questo non lo puoi dire’ o ‘questo tema non lo puoi affrontare'”. Anche la questione Giancarlo Magalli non è mai stata archiviata nonostante siano trascorsi quattro anni dalle tristi vicende. Il trattamento ricevuto dal collega negli anni di lavoro fianco a fianco a I Fatti vostri non è passato in secondo piano e lei si aspetta di ottenere giustizia: “Lavorare con Giancarlo è stato molto difficile. In me rimane la voglia di un senso di giustizia che mi aspetto dopo la denuncia. Non mollo: non lo faccio per me, che ho preso un mio percorso, ma per chi arriverà dopo. Investo tempo, energie e anche soldi per la tutela del lavoro: non è possibile che se uno alza il dito per segnalare una questione seria non solo non venga ascoltato ma addirittura zittito e messo in disparte. Che si tratti di uomini o donne, non cambia”. Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da Adriana Volpe (@adrianavolpereal) Tag:  Grande Fratello Vip Persone:  Adriana Volpe Giancarlo Magalli

  • Ora Jo Squillo spiega davvero tutto ​”Io alle Maldive? Vi dico la verità…”
    by Carlo Lanna on Gennaio 16, 2021 at 9:17 am

    Carlo Lanna Accusata di aver violato le restrizioni e di essere scappata alle Maldive, ora Jo Squillo a Canale 5 spiega il motivo di quella fuga durante la vigilai di Natale Nel giorno della vigilia di Natale si è scatenata una vera e propria bufera su Jo Squillo. La celebre cantante di “Siamo donne” e icona sexy degli anni ’80, ora nel campo della moda e nella musica da discoteca, è stata presa di mira dai suoi fan per alcune foto e video trapelate in rete. Jo Squillo, infatti, è volata alle Maldive per una vacanza di sole e mare, in barba ai divieti imposti dal dpcm di Natale. La showgirl, nei video che ha pubblicato sul suo profilo Instagram, ha mostrato le tappe salienti della sua vacanza, ed è apparsa molto felice e sorridente. Qui in Italia, invece, la situazione era molto differente. E proprio per questo motivo sono scattate le critiche da parte dei fan. [[nodo 1912185]] Quasi un mese dopo da quell’accesa polemica, ora è la stessa Jo Squillo che prende la parola. Si difende dalle accuse ricevute dai fan (e non solo) nella puntata di Pomeriggio Cinque, andata in onda su Canale 5. Il salotto pomeridiano di Barbara D’Urso per Jo Squillo si trasforma in un’arena. Incalzata su quanto è successo durante la vigilia di Natale, la cantante e showgirl è stata molto chiara nell’esprimere il suo punto di vista. “Questo è il mio lavoro e rivendico il diritto di farlo, ovviamente nel rispetto delle regole”, esordisce di fronte le telecamere del talk show. Da quel che sembra, la fuga alle Maldive di Jo Squillo non è stata organizzata per sfuggire ai divieti imposti dal governo, ma in realtà la cantante ha lasciato l’Italia per lavoro. “Sono andata lì perché dovevo registrare due puntate del mio programma televisivo –aggiunto-. E poi, mi chiamano spesso all’estero per fare concerti, soprattutto perché in Italia in questo momento non è possibile farli. Durante il tragitto ho seguito tutte le regole e le leggi, altrimenti io stessa non potevo svolgere il mio lavoro in tranquillità. E poi, ho fatto il tampone sia in entrata che in uscita”, ha confessato. Nonostante tutto, Jo Squillo è stata attaccata da Caterina Collovati, una delle opinioniste del programma. La donna ha ammesso che la Squillo ha comunque mancato di rispetto verso tutte quelle persone che erano costrette a casa per le restrizioni. “Io non ho fatto nulla di male. Ero lì per lavoro. Non dovevo nascondere un bel niente”, ha risposto piccata. Sulla lite è intervenuta la padrona di casa che ha cercato di mettere a tacere gli animi, ma questione resta ancora aperta. Vip che vanno al mare all’estero, anche Jo Squillo finisce nel mirino delle polemiche. Lei risponde: “Io non ero in vacanza ma al lavoro” #Pomeriggio5 pic.twitter.com/PZuL0NBMsZ — Pomeriggio 5 (@pomeriggio5) January 13, 2021 Tag:  Pomeriggio 5 Persone:  Jo Squillo Barbara D’Urso Caterina Collovati

Corriere.it – Spettacoli Corriere della sera online

    Feed has no items.

Corriere.it – Spettacoli Corriere della sera online

Sky News Sky News